DECRETO MILLEPROROGHE 2021

Vediamo quali sono tutte le novità del Decreto Milleproroghe 2021, approvato dal Consiglio dei Ministri. Esso è intervenuto su una serie di temi, quali: sanità, appalti, emergenza Covid e assunzioni da parte della PA, l’istruzione, la ricerca, i trasporti, le politiche sociali, l’emergenza Covid. Scarica qui il testo completo Decreto_Milleproroghe_2021 e Allegato_1

 

Ecco alcune delle novità.

 

▶️ Una delle misure più importanti riguarda il progetto di digitalizzazione di scuole e ospedali. Si lavora, al riguardo per garantire i collegamenti in fibra ottica, ad alta velocità, degli edifici scolastici per il sistema nazionale d’istruzione. Altra novità riguarda gli sfratti, che saranno bloccati fino a giugno 2021.

▶️ Slitta di un mese il termine di inizio della lotteria degli scontrini, con lo scopo di mettere in condizione tutti i commercianti di adeguarsi. Di conseguenza, la misura sarà operativa a partire dal 1° febbraio 2021 e  gli esercenti che non ottemperano, possono essere segnalati dal 1° marzo. Altra misura riguarda la proroga dello smart working fino al 31 marzo 2021. Detta modalità di lavoro spetta ai genitori con figli di età non superiore ai 14 anni, per tutta la durata del periodo emergenziale e, in ogni caso, fino al 31 marzo 2021. Visita questa pagina per approfondimenti.

▶️ Tra le altre misure vi è l’obbligo di adeguamento del pedaggio autostradale, già rinviato. Sicché, detto adeguamento potrà essere effettuato fino a luglio 2021. Non sono interessate al rinvio due concessionarie: la ex centropadane ora passata in mano a Gavio (aumento del 3.2%) e la Bre.Be.Mi (aumento del 3.49%).

Inoltre, sempre nel settore degli spostamenti, si è deciso  di concedere 6 mesi in più ad Alitalia  per la restituzione del prestito di 400 milioni. Esso era stato concesso per sostenere il costo del trasferimento dei complessi aziendali. Avrà quindi tempo fino al 30 giugno 2021 per ottemperare all’incombenza economica.

▶️ Altra proroga riguarda il  bonus viaggio, che era stato introdotto dal Decreto Legge n.34 del 19 maggio 2020 (pubblicato in G.U. il 17 luglio 2020 n.77) detto “Rilancio”, concedendo un beneficio pari al 50% della spesa sostenuta per gli spostamenti in taxi o con Ncc. Esso è destinato alle persone con impedimenti fisici, mobilità ridotta e patologie accertate. Senonché, il bonus verrà prolungato fino al 30 giugno 2021. Un ulteriore proroga, infine, riguarda i termini per sostenere gli esami della patente di guida. Anche qui, l’esame teorico potrà essere espletato entro 1 anno dalla data di presentazione della domanda.