DOSSIER DEL SERVIZIO STUDI SUL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA: LA PROPOSTA DEL GOVERNO del 12 GENNAIO 2021

Next Generation EU (NGEU), istituito dal regolamento UE 2020/2094, rappresenta il nuovo strumento dell’Unione europea per la ripresa, che integrerà il Quadro finanziario pluriennale per il periodo 2021-2027.
Il nuovo bilancio settennale europeo (stabilito dal regolamento (UE, Euratom) 2020/2093) prevede risorse complessive pari a 1.085,3 miliardi di euro a prezzi 2018.
La Commissione europea sarà autorizzata a contrarre prestiti, per conto dell’Unione, sui mercati dei capitali fino a un importo di 750 miliardi di euro (a prezzi 2018).
L’attività di assunzione dei prestiti cesserà al più tardi alla fine del 2026, mentre il rimborso dei prestiti inizierà a partire dal 1° gennaio 2027 con termine fissato al 31 dicembre 2058.
La Commissione si è impegnata ad emettere il 30% del totale delle obbligazioni nell’ambito di Next Generation EU sotto forma di obbligazioni verdi (green bonds).

.

Parte I, scheda di lettura: Parte-I_Scheda-di-lettura

Parte II, profili di finanza pubblica: Parte-II_Profili-di-finanza-pubblica